Basket Team Crema

Logo Basket Team Crema

Contenuto

LE RAGAZZE NON FALLISCONO L’OBBIETTIVO PREFISSATO. MONCALIERI BATTUTO E SARA' ANCORA FINAL EIGHT DI COPPA ITALIA

 sabato 9 gennaio 2021



Non sarà un Basket Team spumeggiante e brillante e nelle migliori condizioni per esprimere tutte le proprie potenzialità ma in questa prima parte della stagione, strana e condizionata da tanti fattori esterni e anomala come non mai, anche se qualche tiratina d’orecchie salutare è stata opportuna non possiamo che riconoscere che ancora una volta nel momento di maggiore difficoltà le nostre ragazze hanno saputo tirare fuori gli artigli. E dove non è arrivata la lucidità e la brillantezza dei giorni migliori contrassegnati da statistiche positive è venuto fuori il carattere e quello spirito di reazione che solo un gruppo che rema dalla stessa parte può dare. Archiviato un novembre disastroso, culminato con la terza sconfitta consecutiva nell’impegno casalingo contro il Sanga, e difficile sarebbe trovare altro aggettivo valido, non c’era più la possibilità di sbagliare un colpo. E la squadra è riuscita nell’intento rispondendo sul campo al cospetto di squadre agguerrite e attrezzate per darci un colpo definitivo allontanandoci da quello che era un obbiettivo dichiarato senza se e senza ma. Dopo aver riaperto i giochi contro Vicenza scesa alla Cremonesi da capolista e domata solo al termine di un extra time una gara e arrivata l’agevole vittoria nella trasferta di Lupari. Ma per non vanificare il tutto rimandando all’ultimo impegno (il recupero a Bolzano a fine mese) le nostre fortune uno solo era l’obbiettivo, vincere contro un Moncalieri che a distanza di un anno tornava praticamente a calcare il parquet cremasco. si trovava praticamente nella stessa situazione. 12 mesi fa in pallio c’era un platonico primato in classifica fra le due squadre padrone del campionato. Questa volta punti pesanti per riconfermarsi matematicamente fra le “magnifiche otto” della categoria che si giocheranno la prossima “Final eight” di Coppa Italia. Come da tradizione le due squadre ci hanno regalato una gara  intensa e dai toni agonistici elevati dove si è usato più la spada che il fioretto in una contesa comunque caratterizzata da grande correttezza in campo per merito di tutte le ragazze che non hanno lesinato impegno e determinazione. L’inizio della gara, soprattutto i primi 10’ è senza dubbio il migliore avvio da parte di Caccialanza & C. che in senso negativo ci avevano abituato ad approcci ben più morbidi per non dire saporiferi. Concentrate e concrete in ogni fase di gioco le ragazze di coach Stibiel hanno concesso poco o nulla alla formazione di Terzolo costretta a subire un 20-7 certamente non incoraggiante e forse non preventivato. Ma Cordola & C. hanno carattere e grinta da vendere e la loro reazione non si è fatta attendere e già il secondo periodo si è stabilizzato su un sostanziale equilibrio con Moncalieri rinfrancata e pronta a rispondendo colpo su colpo alle iniziative delle padrone di casa. Ad uscire meglio dal riposo lungo è proprio la squadra ospite che da un iniziale 31-22 si riportano sotto riducendo lo svantaggio e riaprendo decisamente i giochi visto il 44-40 al termine del terzo periodo. Moncalieri non molla la presa e dà l’impressione di poter completare il recupero ma Gatti & C. hanno il grande merito nel momento di maggiore difficoltà di non disunirsi dimostrando quella lucidità e freddezza indispensabile per portare a termine vittoriosamente la gara. Negli ultimi 2’ la difesa cala la saracinesca e su questa si infrangono gli ultimi tentativi del team piemontese che è costretta ad alzare bandiera bianca. “Non c’erano tanti calcoli da fare ma solo cercare di vincere questa gara”. il commento del presidente Paolo Manclossi. “Questi due punti erano fondamentali e credo che alla fine le ragazze per tanti motivi se li siano meritati fino in fondo. Sappiamo di non essere al meglio per tanti motivi ma ancora una volta il cuore e la voglia di vittoria sia uscita tutta. Abbiano disputato un ottimo primo periodo poi forse ci siamo un po' persi andando un po' troppo a strappi. In certi frangenti invece di controllare la situazione abbiamo perso le misure giocando con troppa frenesia e dimostrando poca lucidità. Però dobbiamo riconoscere i meriti anche delle nostre avversarie che dopo lo sbandamento iniziale hanno reagito confermandosi l’ottima squadra che tutti riconosciamo. Non dimentichiamo il periodo negativo che abbiamo passato ma adesso mi sembra giusto riconoscere i meriti alla squadra che ha tutte le potenzialità per fare un notevole salto di qualità. Intanto, e credo che sia da sottolineare al di sopra di ogni considerazione, nonostante tre sconfitte consecutive, che non dimentichiamo ma che rappresentano il passato, ci troviamo al secondo posto che potremo confermare nel caso di successo nell’ultima gara di recupero con Bolzano, e direi che sia un buon piazzamento per il proseguo della stagione. E dopo averla vinta per il terzo anno consecutivo saremo ancora al via per il quarto anno consecutivo alle prossime “Final Eight” di Coppa Italia”.

Condividi