Sito della società sportiva AD Basket Team Crema

>
>

Contenuto

COSTA VA IN FINALE. PROVA D'ORGOGLIO PER UN BASKET TEAM CHE CEDE ALLA DISTANZA

 giovedì 10 maggio 2018

Onore alle avversarie che alla distanza s'impongono dimostrando una evidente maggiore freschezza atletica e una reattività rispetto alle ragazze di coach Sguaizer. La nostra squadra tiene bene nei primi due quarti in cui la difesa funziona bene e avanti riesce a concretizzare con sufficiente lucidità. Dopo un 24-21 per le azzurre si va al riposo lungo sul 37-36 sempre a favore di Caccialanza & C. Al ritorno in campo sono le padrone di casa dopo un inizio equilibrato a prendere un buon margine di vantaggio limitato nel finale con un 50-44 che premia Baldelli & C. A pesare con il passare dei minuti è soprattutto il prevalere al rimbalzo e sulle palle vaganti sempre in possesso di un Costa che appare sempre più lucido e autoritario con il passare dei minuti. Una sensazione questa che appare sempre più evidente negli ultimi 10'. Fisicamente le padrone di casa stanno meglio e sono decisamente più reattive mentre in casa azzurra l'orgoglio e la voglia non basta a recuperare uno svantaggio sempre più ampio che si materializza in un 69-54 finale che evidenzia chiaramente l'epilogo della gara.











"Per prima cosa faccio i complimenti a Costa che senza dubbio ha meritato il successo ma soprattutto il diritto di giocare con Alpo quella che è la prima finale. Un premio che legittima il rendimento delle due formazioni alle quali posso augurare, naturalemente equamente, di arrivare il più lontano possibile". Questo il commento del presidente Paolo Manclossi che ha naturalmente parole anche per la propria squadra:" Che sarabbe stato un compito arduo passare sul questo parquet lo sapevamo benissimo ma come è giusto che sia ci speravamo. Abbiamo disputato per 2/4 un'ottima gara poi alla distanza ci siamo un po' disuniti e sono venute fuori tutte le qualità, che non è un mistero, delle nostre avversarie che davanti al proprio pubblico si esaltano ulteriormente. Non è che noi siamo stati a guardare ma evidentemente alla distanza siamo calati in concentrazione ed in reattività oltre a quella cattiveria agonistica che in altre occasioni ci aveva portato a stravolgere e ribaltare pronostici a noi contrari. Lascio ai tecnici e agli esperti che non mancano mai fare un certo tipo di analisi ma ho poco o nulla da rimproverare alla squadra e sono certo che oggi in campo ha dato tutto quello che era nelle proprie possibilità. Conoscendo poi certe situazioni non posso che ringraziare ancora una volta queste mie ragazze".


Condividi: